FANDOM


colspan="3" style="background-color: Template:Artista musicale/selettore colori;" class="sinottico_testata"| Underage
colspan="3" style="height: 2px; background: Template:Artista musicale/selettore colori;" |
Paese d'origine Italia
(crea redirect al codice)
Genere Hardcore punk
Periodo di attività 1981-1984
Album pubblicati 2
Studio 0
Live 0
Raccolte 2

Gli Underage furono, assieme ai Contropotere, uno dei primi gruppi hardcore punk, della scena campana di inizio anni '80 e più in generale furono esponenti di quello che fanzine e riviste come Maximumrocknroll definirono Italian hardcore a cui sono riconducibili gruppi come Impact, i Raw Power, Negazione, Indigesti, Peggio Punx, Wretched ed altri. Gli Underage sono spesso considerati uno dei gruppi italiani seminali di questo genere[1].

Storia del gruppoModifica

Gli Underage nascono a Napoli nel 1981 dall'incontro di Ermy (voce), Stelvio (chitarra), Maurizio (basso), Davide Morgera (batteria)[2].

Nel 1982, dopo la sostituzione del cantante, a cui subentrerà Giuseppe Maiello, il gruppo registrò la prima autoproduzione su cassetta dal titolo omonimo[1].

Nel 1983 pubblicarono per l'etichetta bolognese Attack Punk Records di Jumpy Velena il loro primo EP dal titolo Africani, terroni, marocchini, definito da Diego Nozza nel suo Hardcore. Introdizione al punk italiano degli anni ottanta come uno dei 10 migliori album dell'hardcore punk italiano[1]. Il gruppo propone qui ritmiche velocissime, sonorità ruvide e rabbiose con testi che vanno dalla droga, all'anarchia, alla politica a loro contemporanea[1]. La copertina del disco fu opera di Bounty Scarponacci dei RAF Punk e di Grog dei Sottocultura.

Dopo un tour europeo gli Underage partecipano con 6 nuovi brani alla compilazione della torinese Disforia Tapes dal titolo L'Incubo Continua. Nell'album erano presenti, oltre agli Underage alcuni fra i gruppi più attivi dell'allora scena punk rock italiana: i Kollettivo, i Cracked Hirn, gli Obiezione, gli Hyxteria, i Negazione ed i Crash Box[3].

Gli Underage dopo gli UnderageModifica

Alcuni brani degli Underage furono inseriti da Provincia Attiva nelle due compilazioni dedicate alla scena hardcore italiana dai titoli Prima Della Seconda Repubblica del 1994 e Rovina Hardcore - Live 1981-1985 del 1995.

Nel 2005 il loro brano Marijuana Punk viene inserito nella compilazione dal titolo Hate / Love, pubblicato su doppio CD e su doppio LP dalla SOA Records in collaborazione con Mele Marce Records e LoveHate80.

Nel 2005 la E.U. '91 Produzioni il CD dal titolo Entro Domani 1981-1983. L'album comprendeva, oltre ad una raccolta di vecchi brani, anche il concerto del 3 giugno 1983 a sostegno di Autonomia Operaia ed edizioni inedite[1].

Altri brani vengono inseriti poi nelle compilazioni Punk In Italia (2005) e Earsplitting Noise (2006).

Nel 2013 la F.O.A.D. Records pubblica su vinile viola la raccolta dal titolo Perché non siamo nati per… il nostro caos 1982-1983, con allegato il libretto che raccoglie foto e locandine dell'epoca[4][5].

FormazioneModifica

  • Ermy - Voce (fino al 1982)
  • Stelvio - Chitarra
  • Maurizio - Basso
  • Davide Morghera - Batteria
  • Giuseppe Maiello - Voce (dal 1982 allo scioglimento)

DiscografiaModifica

DemoModifica

  • 1982 - Underage (cassetta, autoproduzione)

EPModifica

Greatest HitsModifica

CompilationModifica

NoteModifica

  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 1,4 Template:Cita libro
  2. Dal Corriere del Mezzogiorno: Quando Napoli mise la cresta. Breve storia dei primi punk sotto il Vesuvio di Alessandro Chetta
  3. Discografia degli Underage su Discogs
  4. Recensione di Perché non siamo nati per… il nostro caos 1982-1983 su Metalhead
  5. Raccolta degli Underage nel sito della FOAD Records

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica